Cerca

Rilevatori volumetrici Twister: uomo o cane?

Rilevatori volumetrici Twister: uomo o cane?

UOMO O CANE?
L’obiettivo dei sensori di movimento è quello di rilevare la presenza di persone estranee nell’ambiente in cui vengono installati. Tuttavia molti rilevatori non sono in grado di distinguere la dimensione di un animale da quella di una persona, ma semplicemente ma discriminano le situazioni secondo la logica rappresentata in questa grafica.

Rilevatori volumetrici Twister | Sacchi Elettroforniture

Questo aspetto comporta la mancata segnalazione di malintenzionati che entrano a carponi nell’area protetta, pratica ormai adottata in maniera diffusa. Basta infatti digitare sulla barra di google “ladri carponi” per vedere quanti fatti di cronaca sono riconducibili a questa dinamica.
Com’è possibile risolvere questo problema? Iess propone i rilevatori TWISTER485.
Nello specifico i sensori EATWISTER485 e EATWISTER485V garantiscono sempre la copertura di tutta l’area da proteggere e permettono di discriminare piccoli animali domestici, grazie al settaggio preciso delle soglie d’allarme. Inoltre con questi sensori è possibile la registrazione della forma d’onda per una visualizzazione in playback.


L’installazione diretta su bus permette di evitare concentratori in campo semplificando il cablaggio dell’impianto. Mentre la programmazione e il settaggio dei parametri avviene tramite sensori dip-switch all’interno del sensore.
Questi sensori sono compatibili solo con centrali IESS e consentono la piena configurazione anche da remoto tramite piattaforma metronet.

 

 

News correlate